Palazzo Correr a San Giacomo

Da Venicewiki, il wiki di Venezia

(Redirect da Correr a San Giacomo)

Informazioni

Flickr Error ( ): PhotoID 5396033079

Indirizzo Santa Croce 1705 -1720 - Salizzada del Fondaco dei Turchi
Stile architett. Seicentesco

L'edificio, del secolo XVII°, è di modesta fattura ma abbastanza esteso, con ingresso anche da terra sulla Salizada del Fondaco dei Turchi a San Zan Degolà.Il prospetto su Canal Grande,dalla semplice ma efficace architettura, presenta coppie di finestre rettangolari poste simmetricamente ai lati dell’arcuato portone d’acqua e del balcone al primo piano. Il N.H. Teodoro Correr era nato in questa casa il 12 dicembre 1750. A venticinque anni era già Savio agli Ordini, ma poi aveva rinunciato alla nomina a podestà e capitano di Treviso per mancanza di capitali econominici e forse anche di "vocazione" alla carriera, praticamente obbligatoria per un giovane nobile veneziano. Si era quindi fatto abate e l'ingresso nel mondo ecclesiastico lo escludeva naturalmente dal Maggior Consiglio. Con pochi soldi ma molta passione aveva iniziato a rintracciare, a raccogliere, a salvare oggetti e opere d'arte, memorie storiche. Continuerà fino alla morte, nel 1830, durante un mezzo secolo che vede il crollo della Serenissima, la breve epoca napoleonica e l'arrivo degli Austriaci. Nel crollo della società veneziana, nello sfascio delle istituzioni e delle ricchezze, nella dilapidazione e devastazione del patrimonio artistico andarono tristemente dispersi tanti musei veneziani: fra i più belli quello dei Tiepolo a Sant'Aponal o dei Nani a San Trovaso, e tanti altri. E' notevole perciò l'opera di questo piccolo uomo che, con la sua tenace e paziente attività, riesce a salvare il salvabile ed alla sua morte i veneziani scoprono un museo che eccita la loro curiosità: una grande quantità di quadri, libri, manoscritti, gioielli, avori, bassorilievi, intagli in legno e in rame, armi, sigilli, monete ecc. che riempiono una ventina di camere. Sembra l'opera indagatoria di un'équipe di segugi, e invece è il lavoro di un uomo solo, ritenuto in vita gretto e scontroso, ma che ci lascia un'importante eredità di cultura e di conoscenza. Qui Teodoro Correr riunì la sua raccolta di opere d'arte che andò poi a formare il primo nucleo del Museo Correr proprio in fondo alla Piazza San Marco di fronte alla Basilica.

Biblografia: A.Zorzi - Canal Grande (pag.65) - BUR 1999

          M.Brusegan - I Palazzi di Venezia (pag.93) - Newton Compton 2007


Mappa

MAP 45.44214728213422, 12.328228175574623