Modi di dire in dialetto veneziano

Da Venicewiki, il wiki di Venezia

(Differenze fra le revisioni)
Versione corrente (10:57, 17 lug 2021) (modifica) (annulla)
 
Riga 19: Riga 19:
*'''''Andar in sérca de nòte''''': cercare nel buio
*'''''Andar in sérca de nòte''''': cercare nel buio
*'''''andar fora de levada''''': spingersi oltre il lecito con le parole o con i fatti
*'''''andar fora de levada''''': spingersi oltre il lecito con le parole o con i fatti
-
[[Immagine:Francesco Guardi - piazza san marco parata per la Sensa.jpg|300px|right]]*'''''andar a la sensa''''': andare o agire con quella lentezza coi cui i veneziani erano costretti a camminare per recarsi a [[San Marco]] nei giorni della [[Festa de la Sensa|Sensa]], tanto fitta era la calca nelle vie.
+
*'''''andar a la sensa''''': andare o agire con quella lentezza coi cui i veneziani erano costretti a camminare per recarsi a [[San Marco]] nei giorni della [[Festa de la Sensa|Sensa]], tanto fitta era la calca nelle vie.[[Immagine:Francesco Guardi - piazza san marco parata per la Sensa.jpg|300px|right]]
*'''''a ghe xe passada a Sciàffari, e a ghe passa anca a eo''''': se passa, l'arrabbiatura, a Sciaffari (personaggio permaloso) passa anche a lui
*'''''a ghe xe passada a Sciàffari, e a ghe passa anca a eo''''': se passa, l'arrabbiatura, a Sciaffari (personaggio permaloso) passa anche a lui
*'''''Ara picolo che ti ze drio ciapar 'na bruta andada''''': attento che stai prendendo una brutta strada, ti stai comportando male
*'''''Ara picolo che ti ze drio ciapar 'na bruta andada''''': attento che stai prendendo una brutta strada, ti stai comportando male
Riga 81: Riga 81:
*'''''Cagnàra''' - Cossa xe sta cagnàra'': Rumore - Che cos'è questo rumore
*'''''Cagnàra''' - Cossa xe sta cagnàra'': Rumore - Che cos'è questo rumore
*'''''Cagaùra''' - Ti xe nà cagaùra'': escremento di mosca - sei un escremento di mosca'' (dicesi in modo dispregiativo per dare della nullità a qualcuno)''
*'''''Cagaùra''' - Ti xe nà cagaùra'': escremento di mosca - sei un escremento di mosca'' (dicesi in modo dispregiativo per dare della nullità a qualcuno)''
-
[[Immagine:Corte del milion.jpg|250px|right]]*'''''Campièlo''' - và a zogar in campièlo'': piccola piazza tipica di venezia - vai a giocare in piazzetta
+
*'''''Campièlo''' - và a zogar in campièlo'': piccola piazza tipica di venezia - vai a giocare in piazzetta [[Immagine:Corte del milion.jpg|250px|right]]
*'''''Cancaro''' - ti xe un cancaro / ti xe na cancara'': Cancro, tumore - sei una cattiva persona ''(modo molto cattivo per diprezzare)''
*'''''Cancaro''' - ti xe un cancaro / ti xe na cancara'': Cancro, tumore - sei una cattiva persona ''(modo molto cattivo per diprezzare)''
*'''''carta da culo''''': carta igienica
*'''''carta da culo''''': carta igienica
Riga 96: Riga 96:
*''a sto mondo ghe ze più culi che '''caréghe''''': (''caréga'': sedia) più bisogni che capacità di soddisfarli
*''a sto mondo ghe ze più culi che '''caréghe''''': (''caréga'': sedia) più bisogni che capacità di soddisfarli
*'''''ai paròni. le caréghe i ghe le fa a seconda del culo; nialtri invense gavemo da farse el culo a seconda dele caréghe''''': ai ricchi tutto va come vogliono; noi poveri dobbiamo necessariamente adattarci
*'''''ai paròni. le caréghe i ghe le fa a seconda del culo; nialtri invense gavemo da farse el culo a seconda dele caréghe''''': ai ricchi tutto va come vogliono; noi poveri dobbiamo necessariamente adattarci
-
*'''''ze ora da 'ndar in carbòna''''': è ora di tornare a casa (''carbona'': casa o monolocale, usato anche come pied à terre)
+
*'''''ze ora da 'ndar in carbòna''''': è ora di tornare a casa (''carbona'': casa o monolocale, usato anche come ''pied à terre'')
*'''''la ze 'na vècia carampana desméssa''''': (tanto vecchia che non può più prostituirsi)
*'''''la ze 'na vècia carampana desméssa''''': (tanto vecchia che non può più prostituirsi)
*'''''ghe ne go un cargo o 'na carga!''''': ne ho più che abbastanza
*'''''ghe ne go un cargo o 'na carga!''''': ne ho più che abbastanza
Riga 105: Riga 105:
*''Ze mègio che ti vaghi a portar in giro to nona in '''cariòla''''': è meglio che vai a portare in giro tua nonna in cariola (''ad una ruota'') espressione di blando rimprovero
*''Ze mègio che ti vaghi a portar in giro to nona in '''cariòla''''': è meglio che vai a portare in giro tua nonna in cariola (''ad una ruota'') espressione di blando rimprovero
*'''''cascar in pìe''''': cadere in piedi, salvarsi
*'''''cascar in pìe''''': cadere in piedi, salvarsi
-
*'''''cascar indrìo vita''''': cadere di schiena, rovesciarsi
+
*'''''cascar indrìo vita''''': cadere di schiena, rovesciarsi.'''''Go ridesto tanto che so 'ndà indrio schena'''''': ho riso così tanto che mi sono rovrsciato.
*''sto mondo ze 'na '''chèba''' de mati e chi che no ze mato sta de casa a San Sèrvolo'': i matti stanno fuori dal manicomio (S. Sèrvolo era l'isola del manicomio cittadino)
*''sto mondo ze 'na '''chèba''' de mati e chi che no ze mato sta de casa a San Sèrvolo'': i matti stanno fuori dal manicomio (S. Sèrvolo era l'isola del manicomio cittadino)
*''i '''cogiòni''' va sempre do a do'': gli sciocchi si accompagnano sempre fra di loro
*''i '''cogiòni''' va sempre do a do'': gli sciocchi si accompagnano sempre fra di loro
Riga 161: Riga 161:
*'''''el xe un gianissero''''': è uno sbarazzino
*'''''el xe un gianissero''''': è uno sbarazzino
*'''''la se gà messo in gringola''''': si è preparata per bene
*'''''la se gà messo in gringola''''': si è preparata per bene
-
*'''"el xe come on gianissero"/'''"'''ti sì on gianissero">'''riferito a ragazzo o uomo giovane con
+
*'''"el xe come un gianissero"/'''"'''ti sì un gianissero">'''riferito a ragazzo o uomo giovane con
carattere e comportamento irascibile; non affidabile ;selvaggio; che reagisce in modo istintivo, violento, senza riflettere e che di testa sua fa qualunque cosa al di fuori delle righe, anche manesco.
carattere e comportamento irascibile; non affidabile ;selvaggio; che reagisce in modo istintivo, violento, senza riflettere e che di testa sua fa qualunque cosa al di fuori delle righe, anche manesco.
*'''''Gnanca par morte morir''''': neppure se dovessi morire
*'''''Gnanca par morte morir''''': neppure se dovessi morire
Riga 200: Riga 200:
== M ==
== M ==
-
*'''''Mì aea to età saltavo i fossi par longo!''''' = io quando ero giovane saltavo i fossi, canali per lungo; saltavo molto lontano
+
*'''''Mì ala to età saltavo i fossi par longo!''''' = io quando ero giovane saltavo i fossi, canali per lungo; saltavo molto lontano
*'''''Màgna e tasi!''''' = mangia e stai zitto
*'''''Màgna e tasi!''''' = mangia e stai zitto
-
*'''''Mona''''' (con la 'o' chiusa) = è l'organo genitale femminile - Deventàr un mona'': istupidire, perdere la freschezza, appassire, invecchiare; si dice anche quando uno si rammolisce o si innamora.
+
*'''''Mona''''' (con la 'o' chiusa) = è l'organo genitale femminile - ''Deventàr un mona'': istupidire, perdere la freschezza, appassire, invecchiare; si dice anche quando uno si rammolisce o si innamora.
Un aneddoto su questa parola : Cecilia Zeno, fu pregata una volta dal marito Francesco Tron di cedere il suo palchetto di teatro all'ambasciatore di Curlandia in visita a [[Venezia]]. Lei lo fece, ma pretese cento ducati e li ottenne. Naturalmente il popolino trovò subito da dire: "E brava la Trona, la vende el palco più caro de la mona!" (penso non ci sia bisogno di traduzione). Sembra che la suddetta rispondesse: "La mona, la Trona la dona!" (nel senso che non si faceva pagare).
Un aneddoto su questa parola : Cecilia Zeno, fu pregata una volta dal marito Francesco Tron di cedere il suo palchetto di teatro all'ambasciatore di Curlandia in visita a [[Venezia]]. Lei lo fece, ma pretese cento ducati e li ottenne. Naturalmente il popolino trovò subito da dire: "E brava la Trona, la vende el palco più caro de la mona!" (penso non ci sia bisogno di traduzione). Sembra che la suddetta rispondesse: "La mona, la Trona la dona!" (nel senso che non si faceva pagare).
*'''''Monàda''' - Monàe che no val gnente'': Bazzecola - Sciocchezze che non valgono nulla
*'''''Monàda''' - Monàe che no val gnente'': Bazzecola - Sciocchezze che non valgono nulla
Riga 216: Riga 216:
== N ==
== N ==
-
*'''''Non gò monèa''''': non ho spiccioli
+
*'''''No gò monèa''''': non ho spiccioli
*'''''el ze proprio un nane''''': è proprio uno stupido (Nane è anche l'abbreviativo di Giovanni)
*'''''el ze proprio un nane''''': è proprio uno stupido (Nane è anche l'abbreviativo di Giovanni)
*'''''Ti spèti 'l prete e vien fòra el nònsolo''''': le attese e le speranze si rivelano spesso illusorie ("nònsolo" è il sagrestano)
*'''''Ti spèti 'l prete e vien fòra el nònsolo''''': le attese e le speranze si rivelano spesso illusorie ("nònsolo" è il sagrestano)
Riga 227: Riga 227:
== O ==
== O ==
-
*'''''omo san caga e pissa come un can''''': è indice di buona salute quando una persona si libera con continuità
+
*'''''omo san caga e pissa come un can''''': è indice di buona salute quando una persona si libera con continuità come fanno i cani
*'''''A ònsa a ònsa''''': poco a poco, oncia, piccola quantità
*'''''A ònsa a ònsa''''': poco a poco, oncia, piccola quantità
*'''''perder l'ònto''''': si dice di cosa eccessivamente unta (che adirittura cola); o anche di persona molto sporca
*'''''perder l'ònto''''': si dice di cosa eccessivamente unta (che adirittura cola); o anche di persona molto sporca
Riga 285: Riga 285:
*''Tirar '''Sardoni''''': fare ammiccamenti, avance, creare approcci.
*''Tirar '''Sardoni''''': fare ammiccamenti, avance, creare approcci.
*'''''Sbregabalon''''', Andar a '''sbregabalon''': ha una spiegazione marinaresca, significa andare velocemente con un potente vento in poppa, sulla vela principale, il ''balon'' appunto, che per il forte vento, avrebbe potuto rompersi, ''sbregarse''.
*'''''Sbregabalon''''', Andar a '''sbregabalon''': ha una spiegazione marinaresca, significa andare velocemente con un potente vento in poppa, sulla vela principale, il ''balon'' appunto, che per il forte vento, avrebbe potuto rompersi, ''sbregarse''.
-
*''Far la '''Sboina''''': fare in mdo che l'acqua non ghiacci. Comportamento degli uccelli acquatici, i quali, quando ci sono temperature sotto lo zero, si raggruppano e muovono le zampe per evitare che si congeli la porzione d'acqua in cui si trovano. Se ciò accadesse rimarrebbero prigionieri e non potrebbero più nutrirsi.
+
*''Far la '''Sboina''''': fare in modo che l'acqua non ghiacci. Comportamento degli uccelli acquatici, i quali, quando ci sono temperature sotto lo zero, si raggruppano e muovono le zampe per evitare che si congeli la porzione d'acqua in cui si trovano. Se ciò accadesse rimarrebbero prigionieri e non potrebbero più nutrirsi.
*''ti ga la '''scagiola''''': hai la forfora
*''ti ga la '''scagiola''''': hai la forfora
*''ti xe drio scaldar i '''scagni''''': non stai facendo nulla
*''ti xe drio scaldar i '''scagni''''': non stai facendo nulla

Versione corrente

Clicca su modifica per inserire uno o più modi di dire. Inseriscile così:

*''Modo di dire'': Significato

A

  • A: che cosa? cosa vuoi? Interrogativa di risposta considerata peraltro segno di maleducazione ed alla quale seguiva sempre l'immancabile puntualizzazione a come àseno!, àseno che no ti ze altro! Quando che uno te ciama bisogna risponder sempre: Comandi (a come asino, sei proprio un asino)
  • Sentirse abatùo, batuo: sentirsi abbattuto, demoralizzato
  • ti fa le robe a la carlona: da Carlo Magno, rappresentato come un sempliciotto ed un babbeo, fare le cose con trascuratezza
  • esser stufo agro: non poterne più, essere veramente stanco
  • andar a gatognào: andare furtivamente come i gatti, andare a carponi
  • A bèmpo!: a bene, anche questa poi, cosa mi dici mai
  • L'abèce de l'educassion scominsia col saludar tuti par la strada: il saluto è la prima forma di educazione
  • andarghe a pope: prenderlo a posteriori
  • Andar in sérca de nòte: cercare nel buio
  • andar fora de levada: spingersi oltre il lecito con le parole o con i fatti
  • andar a la sensa: andare o agire con quella lentezza coi cui i veneziani erano costretti a camminare per recarsi a San Marco nei giorni della Sensa, tanto fitta era la calca nelle vie.
  • a ghe xe passada a Sciàffari, e a ghe passa anca a eo: se passa, l'arrabbiatura, a Sciaffari (personaggio permaloso) passa anche a lui
  • Ara picolo che ti ze drio ciapar 'na bruta andada: attento che stai prendendo una brutta strada, ti stai comportando male
  • Tanto agro che 'l liga i denti: aspro tanto da far rimanere senza saliva in bocca
  • essere agro de uno: non sopportare più una persona
  • Aver - Te go, Ve go, Lo go: Avere - Ti ho, Vi ho, Lo ho, lassime star che te go lasciami stare che ti ho (non precoccuarti che ti sto tenendo)
  • aver le ale ai pìe: correre velocemente
  • alzemo i tachi: scappiamo
  • A moménti la va a finir che squasi me masso: per poco non mi ammazzo
  • Avertìr - Avertì mia mare che la vegna a tola: Avvertire, annunciare, dare notizia - avvisate mia madre che venga a tavola
  • l'ho avertìo perchè el se regola n'altra volta: l'ho avvertito perchè si regoli un'altra volta (usato come consiglio)
  • Averto - averzerse el peto da la tosse: Aperto - aprirsi il petto dalla tosse
  • Avocato - Avocato delle cause perse: Avvocato - Dottor dei miei stivali
The Campanile
The Campanile -
*Andar a bever 'na ombra: andare a bere un bicchiere di vino. Un tempo sotto il Campanile di San Marco esistevano dei chioschi che vendevano vino, quindi mettersi al riparo del sole e proteggersi all'ombra del campanile è diventato sinonimo del prender un bicchiere di vino.
  • No sta a dir aberrassiòn: non dire cose che non stanno nè in cielo nè in terra**
  • Non capir 'na aca: non capire nulla
  • Far 'na bòna acoliénsa: accogliere con cortesia
  • 'Afano de stomégo': nasuea
  • aver el cuor in afano: avere il batticuore
  • esser tuto in afano: molto agitato
  • Afanarse par gnente: agitarsi per nulla
  • Agìutar la barca/Tirar 'vanti: dare un aiuto, cooperare, dare una mano (barca è una metafora per impresa, gruppo, famiglia...)
  • 'Stamatina ghe se aguasso': stamattina il terreno è bagnato, c'è la brina
  • Stanote me so trovà all'aguasso: senza dimora o fuori di casa
  • el ze rivà co 'na andada che no te digo: è arrivato con un brutto modo di presentarsi
  • 'Esser de l'ano del do': antiquato
  • Andar suzo: salire; crescere, o anche aumentare di prezzo
  • Andar zo: scendere, dimagire, scemare, diminuire di prezzo
  • Andar su e zo come la péle del c....: avanti e indietro senza alcun risultato
  • andar zo dai calcagni o dài tòtani: perdere stima o fiducia
  • Andar zo duro: dire le cose come stanno senza diplomazia
  • Parlar in Arabo: parlare in maniera incomprensibile

Torna su

B

  • Banco de becarìa: banco dove si taglia la carne per vendere, banco della macelleria
  • Bagnàr el beco (coll' e larga): si dice in scherzo per bere qualcosa
  • Andar fora da le bale: Essere estromessi, lasciati fuori. Deriva dalla presenza di due palle di cannone in ferro poste sopra le colonne di accesso alla Manifattura Tabacchi, per cui quando i cancelli venivano chiusi si rimaneva al di là Fora da le Bale
  • el ga 'na batola!: ha una parlantina, è un oratore. Il riferimento è la toga degli Avogadori de Comun che, sopra la veste purpuea, indossavano una stola, la Batola
  • far le bave: desiderare, o anche per dire la saliva dei bambini
  • cole le bave a la bòca: rabbiosamente
  • senti che bava che tira par ste sfése: senti che aria che soffia attraverso le fessure
  • aver bava: aver fortuna
  • Beati queli che ghe n'ha: Beati quelli che stanno in buone condizioni economiche
  • Becàr qualcosa / Nol ghe ne bèca: prendere qualcosa / non prende nulla
  • Senza bater beco: senza parlare
  • el lo gà fato beco (coll' e stretta): gli ha messo le corna
  • Andàr via bisegnado: frugare, cercare ovunque
  • Bisegàr in scarsela: frugare, cercare in tasca
  • Chi ga bisogno se sbassa: chi ha bisogno si arrende
  • Far i so bisogni: andare al bagno
  • Boca serada no ciapa musati: Bocca chiusa non prende zanzare, se non chiedi non ti può esser dato nulla

Torna su YouTube : bad video ID !

C

  • Cagariòla - Che te vegna ea cagariòla: Dissenteria, mossa di corpo - che ti venga la diarrea
  • Come che tè gò fato tè desfo = come ti ho messo al mondo ti uccido
  • Cagnàra - Cossa xe sta cagnàra: Rumore - Che cos'è questo rumore
  • Cagaùra - Ti xe nà cagaùra: escremento di mosca - sei un escremento di mosca (dicesi in modo dispregiativo per dare della nullità a qualcuno)
  • Campièlo - và a zogar in campièlo: piccola piazza tipica di venezia - vai a giocare in piazzetta
  • Cancaro - ti xe un cancaro / ti xe na cancara: Cancro, tumore - sei una cattiva persona (modo molto cattivo per diprezzare)
  • carta da culo: carta igienica
  • Canarègio - Recamàr el canarègio de pèae: (detto in parlare furbesco) Deretano; Viso sotto; Il di dietro; il Culo - Dar calci nel di dietro
  • ti xe un Canaregìoto: sei un abitante del quartiere di Cannaregio (una parte importante di Venezia, o sia uno dei sestieri che la compongono; voce derivata da Canneto; perchè era in tempo antico luogo paludoso, e vi si raccoglievano le canne, da quì il suo nome)
  • ti canti come un canarìn: canti come un canarino
  • e ti Rosina ti xe nata in un casoto: e tu Rosina sei nata in una capanna (capanna fatta di frasche) oppure per indicare una casa molto povera
  • Ti ga el cul pien de servizi: hai molte cose da fare
  • Avèr el culo in tel butiro: stare in un ottima situazione
  • Butàr con culo in su na famegia: Rovinare una famiglia
  • Tirar in drio el culo: rinunciare, resistere, non aiutare
  • Tegnìr el culo su do scagni: tenere il di dietro su due sedie, occupare due posti
  • Aver el cuor co tanto de pelo: essere insensibile, persona fredda senza sentimenti
  • a sto mondo ghe ze più culi che caréghe: (caréga: sedia) più bisogni che capacità di soddisfarli
  • ai paròni. le caréghe i ghe le fa a seconda del culo; nialtri invense gavemo da farse el culo a seconda dele caréghe: ai ricchi tutto va come vogliono; noi poveri dobbiamo necessariamente adattarci
  • ze ora da 'ndar in carbòna: è ora di tornare a casa (carbona: casa o monolocale, usato anche come pied à terre)
  • la ze 'na vècia carampana desméssa: (tanto vecchia che non può più prostituirsi)
  • ghe ne go un cargo o 'na carga!: ne ho più che abbastanza
  • contar la storia de l'òrso: raccontare una storia che non ha mai fine
  • dame 'ncora un fià de consiér: dammi ancora un pò di sugo
  • Se mia nona gavesse le ròde la sarìa 'na cariòla: col se e col ma non si fa nulla, non si arriva da nessuna parte
  • to nona in cariòla: tua nonna in cariola, rimprovero, esclamazione (ma di tono indulgente ed affettuoso)
  • Ze mègio che ti vaghi a portar in giro to nona in cariòla: è meglio che vai a portare in giro tua nonna in cariola (ad una ruota) espressione di blando rimprovero
  • cascar in pìe: cadere in piedi, salvarsi
  • cascar indrìo vita: cadere di schiena, rovesciarsi.Go ridesto tanto che so 'ndà indrio schena': ho riso così tanto che mi sono rovrsciato.
  • sto mondo ze 'na chèba de mati e chi che no ze mato sta de casa a San Sèrvolo: i matti stanno fuori dal manicomio (S. Sèrvolo era l'isola del manicomio cittadino)
  • i cogiòni va sempre do a do: gli sciocchi si accompagnano sempre fra di loro
  • scrita par li cogiòni: lettura per gli stupidi e ignoranti
  • far venir el late ai cogiòni: annoiarsi a morte
  • cori, cori, và in zo: lascia stare, non ti preoccuoare

Torna su

D

  • da rente: vicino
  • de fasa: di fronte
  • Despèto - andàr via la roba per despèto: Dispetto - dare vie le cose, oggetti, merce per dispetto (si dice anche per svendite o saldi)
  • Far per despèto: fare apposta (quando si vuole fare uno sgarbo in modo premeditato)
  • Aver 'na vena o un raméto de dòlse: essere effeminati
  • el se la ga tòlta in dòlse intanto che 'l dormiva: è morto nel sonno, dolcemente
  • el tempo buta al dòlse: sta per far bello
  • tòrsela in dòlse: andarsene di soppiatto
  • va in zo, va là, tòltela in dòlse!: vattene per i fatti tuoi!
  • mi go da 'ndar: devo andare
  • o prima o dopo el gavarà pur di capitarne sòto!": dovrà pur incontrarmi!
  • mi go dovesto: ho dovuto
  • aver la bòca che fa corénte col dadrìo: modo di dire di persona che parla a sproposito, che non passa nessuna differenza tra le due uscite (dadrìo: sedere)
  • dar 'na andada: dare uno sberlone, un manrovescio
  • dar 'na smema: dare uno sberlone, un manrovescio
  • dar 'na tàngara:dare uno sberlone, un manrovescio
  • dar de vòlta col sarvèlo: dare di matto
  • dar 'na man de bianco: far diventare pallidi per la paura (si dice anche quando si vuole imbiancare in casa)
  • Durar da Nadal a Santo Stefano: durare fino a... (tempo determinato)
  • Duri i Banchi: Resistere, tener duro. Nelle cattive occasioni, come in passato durante una tempesta nelle Galee Veneziane bisognava tenersi ai propri seggiolini, bisogna saper resistere e non abbattersi.

Torna su

E

  • esser cascài da picoli dal caregòn: essere un po' tonti
  • esser tra Marco e Todaro: trovarsi in assai brutti frangenti (sulle colonne della Piazzetta San Marco si trovano le statue dei santi protettori di Venezia Marco e Teodoro. Tra le due colonne si giustiziavano i colpevoli di reati gravi)
  • esser ai tempi di Marco Caco: essere antico (Marco Còcano si segnalò per valore nella guerra tra veneziani e padovani alla torre delle Bebbe, anno 1214)
  • Eà xe magra impisà = è magra come un fiammifero
  • El m'ha cambià monèa: mi ha cambiato in spiccioli (oppure si dice a volte per cambiare discorso, cioè passò da uno ad un altro argomento per non insistere sul primo)

Torna su

F

  • far pignata: preparare il pranzo
  • no scaldarte el figà, Benedeto!: stai calmo!
  • tre fili fa un spago: l'unione fa la forza
  • el xe un fracaciope: è un po' grassottello
  • ea ghe ga fato i corni: la moglie l'ha tradito
  • Fio de ànema: figlio adottato (o anche tenuto a battesimo o cresima)
  • Se non me gavesse frontà sarìa cascà: se non mi fossi appoggiato sarei caduto

Torna su

G

  • No sta girar la brisioea: non capovolgere il discorso a tuo favore
  • Galina che camina magna': darsi da fare per progredire nel lavoro
  • el xe un gianissero: è uno sbarazzino
  • la se gà messo in gringola: si è preparata per bene
  • "el xe come un gianissero"/"ti sì un gianissero">riferito a ragazzo o uomo giovane con

carattere e comportamento irascibile; non affidabile ;selvaggio; che reagisce in modo istintivo, violento, senza riflettere e che di testa sua fa qualunque cosa al di fuori delle righe, anche manesco.

  • Gnanca par morte morir: neppure se dovessi morire
  • co' 'l parla se ghe vede 'l gargato: ha la bocca tanto larga che gli si vede la gola (gargarozzo)

Torna su

H

I

  • I to amighi no gà miga na famègia = i tuoi amici non hanno una famiglia, quando si vedevano sempre in strada e non andavano mai a casa
  • qua no se imbarca cuchi: non si inganna nessuno
  • el ze tuto imberlà: è tutto storto, piegato
  • e mi so restà là come un baùco: sono rimasto come uno sciocco (imbaucar: stordire di chiacchere)
  • Imbriago spòlpo: completamente ubriaco
  • la go imbusada da qualche parte e 'desso no me ricordo più indove che la go messa: l'ho messa da qualche parte ed ora non mi ricordo più dove
  • indove se galo mai imbusà sto òstia de bambìn?: dove è andato a finire questo bambino?
  • i nisiòli no ocore sopressarli basta impiegarli: le lenzuola non serve stirarle, basta piegarle
  • impinirse 'l buelo: riempirsi la pancia
  • impissar fòghi: provocare la lite
  • andar in giro tuti impongài: andare in giro tutti superbi
  • tòr a imprèstito: prendere in prestito

Torna su

L

  • la gà vogia de ciuciarse i lavari!: vorrebbe, ma non può!
  • quel che go sui lavri, lo go sul cuor: quel che dico lo penso
  • far listòn: passeggiare avanti ed indietro per la piazza (dicesi anche far vasche), legato alla Festa della Sensa quando a San Marco veniva effettuata una grande fiera di commercio.
  • farse vegnir el late ai zenòci: annoiarsi
  • esser ora da late ora da vòvi: essere incostanti, volubili
  • làssime star che no go 'lastico: lasciami stare che al momento non sono disponibile
  • el ze fato de lata: è fatto di latta, metallo poco consistente
  • i morosi i se ga lassà: i fidanzati si sono lasciati


Torna su

M

  • Mì ala to età saltavo i fossi par longo! = io quando ero giovane saltavo i fossi, canali per lungo; saltavo molto lontano
  • Màgna e tasi! = mangia e stai zitto
  • Mona (con la 'o' chiusa) = è l'organo genitale femminile - Deventàr un mona: istupidire, perdere la freschezza, appassire, invecchiare; si dice anche quando uno si rammolisce o si innamora.

Un aneddoto su questa parola : Cecilia Zeno, fu pregata una volta dal marito Francesco Tron di cedere il suo palchetto di teatro all'ambasciatore di Curlandia in visita a Venezia. Lei lo fece, ma pretese cento ducati e li ottenne. Naturalmente il popolino trovò subito da dire: "E brava la Trona, la vende el palco più caro de la mona!" (penso non ci sia bisogno di traduzione). Sembra che la suddetta rispondesse: "La mona, la Trona la dona!" (nel senso che non si faceva pagare).

  • Monàda - Monàe che no val gnente: Bazzecola - Sciocchezze che non valgono nulla
  • Qua soto ghe xe qualche monàda: Gatta ci cova, qui c'è un imbroglio
  • El mondo se de chi xe la gode: il mondo è di chi sa godere della vita
  • El mondo de là: l'adilà
  • Mèterse al lài: accostarsi ai lati della barca
  • Morìr - morìr dal cancaro o da la giandussa xe l'istesso: Morire - Essere in pericolo da ogni parte;
  • ai tempi di Marco Caco: da che mondo è mondo, nei tempi ormai passati,
  • Me lo so sbrassolà fin da quando che 'l gera 'ncora in fasse: l'ho tenuto in braccio da quando era un neonato

Torna su

N

  • No gò monèa: non ho spiccioli
  • el ze proprio un nane: è proprio uno stupido (Nane è anche l'abbreviativo di Giovanni)
  • Ti spèti 'l prete e vien fòra el nònsolo: le attese e le speranze si rivelano spesso illusorie ("nònsolo" è il sagrestano)
  • Dar i nùmari: vaneggiare
  • el ze proprio un nùmaro!: è prorpio un personaggio
  • el ze nòvo de trinca: è nuovo di zecca
  • Nua, via!: vattene

Torna su

O

  • omo san caga e pissa come un can: è indice di buona salute quando una persona si libera con continuità come fanno i cani
  • A ònsa a ònsa: poco a poco, oncia, piccola quantità
  • perder l'ònto: si dice di cosa eccessivamente unta (che adirittura cola); o anche di persona molto sporca
  • Dar 'na ònta e 'na pònta: alternare lodi e biasimo
  • òsso da morto: persona pesante da sopportare e totalmente inutile, come appunto inutili sono le ossa dei morti

Torna su

P

  • Parlarse bocalmente: parlarsi faccia a faccia
  • Prova a pàrlar se ti gà coragio = prova a parlare se hai coraggio
  • andar a pagiòn: andare a dormire, andare sul materasso
  • esser a pagiòl co tuto: ridotto a zero, aver raggiunto il fondo.
  • Paìr la bala: scontare gli eccessi del troppo bere
  • farghela palir a calchidun: rendergli pan per focaccia, farlo soffrire
  • andar a parar: dirigersi verso (nei discorsi: dove vuoi arrivare), tendere, mirare a...
  • parar 'vanti: spingere innanzi.
  • para'vanti: Uno strumento per la pesca in Laguna porta questo termine. Un pescatore spinge una rete a sacca (covolo) nel ghebo per la cattura di gamberi che vengono adoperati come esche per i pesci più pregiati.
  • parar via: scacciare
  • parar zòso: inghiottire
  • Xe Pasqua, xe Pasqua che caro che gò, se magna ea fugassa se beve i cocò. Se vado in cusina mi vedo l'agnèo, i dise che a Pasqua se magna anca queo!: E' Pasqua, è Pasqua ne ho molto piacere, si mangia la focaccia e si bevono le uova. Se vado in cucina vedo l'agnello, si dice che a Pasqua si mangi anche quello!
  • Passar dal Trasto ala Sentina: cambiare discorso, parlare di un argomento non attinente.
  • esser sempre in mezo come 'l parsèmolo: sempre fra i piedi (il prezzemolo è d'uso comunissimo in cucina)
  • averghene 'na passùa: essere stanchi e stufi, non poterne proprio più
  • Aver pégola: portarsi dietro la sfortuna nera come la pece
  • Ti xe un peocìn: sei un avaro
  • pèrderse su un gòto de aqua: perdersi d'animo di fronte alla minima difficoltà
  • peso el tacon del buso: spesso la toppa risulta peggiore del buco tappato.
  • pissar fora dal bocal: dire o fare cose al di là delle proprie competenze, parlare di cose che non si conoscono.
  • putana da restelo: da reggimento, per soldati; per restelo si intende lo steccato che divide l'area militare da quella civile.

Torna su

Q

  • qua ghe ne xe anca pa 'i beati paoli: qui ce nè per tutti
  • Quea xè eà porta... = quella è la porta...
  • quanto da far che ci ò, mai nòte no vien: può indicare effettiva stanchezza (per il continuo lavorare) se pronunciata da chi che sia; quando detta con ironia e sarcasmo, avere un chiaro sapore di presa in giro nei confronti di chi si mostra sempre indaffarato (ma che in realtà non sta combinando null)

Torna su

R

  • Aver le rave sule calse: avere i buchi sui calzini
  • Aver i lavri rasìi dal freddo: avere i labbri arrossati e secchi dal freddo
  • sénsa pecà no ghe ze remission: senza peccato non c'è il perdono
  • un gòto pién raso: bicchiere ricolmo fino all'orlo
  • ciapar na resentada: uno scroscio d'acqua o anche una lavata di testa di capo
  • ridi, ridi che la mama ga fato i gnòchi: divertiti ora che quando hai finito troverai (gnochi) i pugni
  • non posso più cantar che so ròcho: non posso più cantare che sono senza voce
  • el ronchiza che 'l par un bombadier: russa che sembra un bombardiere
  • ronchizar capisso ma, òstrega pòrca, questi i ze colpi de canòn, f'òra ogni comandamento de Dio!: russare va bene, ma sembrano colpi di cannone fuori ogni legge divina
  • andar a ròdolon: andare in miseria

Torna su

S

  • Savèr conosser dalla a a la zita: sapere tutto dall' inizio alla fine.
  • Tirar Sardoni: fare ammiccamenti, avance, creare approcci.
  • Sbregabalon, Andar a sbregabalon: ha una spiegazione marinaresca, significa andare velocemente con un potente vento in poppa, sulla vela principale, il balon appunto, che per il forte vento, avrebbe potuto rompersi, sbregarse.
  • Far la Sboina: fare in modo che l'acqua non ghiacci. Comportamento degli uccelli acquatici, i quali, quando ci sono temperature sotto lo zero, si raggruppano e muovono le zampe per evitare che si congeli la porzione d'acqua in cui si trovano. Se ciò accadesse rimarrebbero prigionieri e non potrebbero più nutrirsi.
  • ti ga la scagiola: hai la forfora
  • ti xe drio scaldar i scagni: non stai facendo nulla
  • Portè do scagni no go careghe: portate due sgabelli non ho più sedie
  • Co la merda monta in scagno o la fa spussa o la fa dano: dicesi per quelle persone villane e disoneste che anche se acquistano potere (vanno al governo, diventano ricche) non cambiano il loro essere
  • Ti mà fato chiapàr un scagoto: mi hai fatto prendere paura
  • Ti ga na siera da scorese: Hai una brutta cera. Non stai bene? Letteralmente Hai una cera da scoregge.
  • Na Scarpa e un socolo(zoccolo): un abbinamento sbagliato, due cose scompagnate.
  • go spizza: Prurito - ho prurito

Torna su

T

  • Ti ga na testa che no la magna 'gnaca i porsei: avere un comportamento così ostico e poco propenso al discutere ed al chiarirsi tanto da far supporre una testa così negativa da non essere apprezzata nemmeno dai maiali che sono prioverbialemnte onnivori.
  • Tè vorìa un poca de russia a tì... = ti ci vorrebbe un pò di russia a te... (riferimento alla guerra in russia e alla fame)
  • Tè meto in colègio = ti metto in collegio (paroe ai putei)
  • Tì tè gà petenà? = ti sei pettinato?
  • Tè par e ore de rivar? = ti sembra questa l'ora di arrivare? (quando si fà tardi)
  • Te tiro do andàe sul muso: ti do due pugni secchi sul viso

Torna su

U

  • Usàr una bona e una cativa azìon: Far una buona o una cattiva azione
  • No se usa più el costume d'una volta: non è più in uso
  • Conosser uno a usma: conoscere una persona dal fiuto
  • Uzzàr qualcùn: istigare qualcuno
  • Andàr a robàr l'ua: andare a rubare l'uva
  • L'ua scomenza a varezàr: L'uva comincia a maturare
  • No dar udienza a uno: non ascoltare nessuno
  • xe umidèto: è mezzo asciutto

Torna su

V

  • Vara che te scavesso e gambe sora i zenoci = paroe ai putei. parole ai bambini: attento, guarda che ti rompo le gambe sopra le ginocchia
  • Vara che tè tendo... = guarda che ti vedo, osservo
  • Vara che me cavo nà savata = quando la mamma è esasperata e per spaventare il bambino dice guarda che mi tolgo una ciabatta
  • Cusinàr i vovi bazoti: cucinare le uova fra sode e tenere
  • Vado de là de l'acqua: vado ad attraversare il canale (canal grande)

Torna su

X

  • I xe beli: sono belli
  • Xeli o no Xeli?: sono o no sono?
  • Quante che ne xe?: quante ce ne sono o vi sono?
  • No xe vero ti xe bùgiaro?: non è vero sei bugiardo

Torna su

Z

  • Zenìa da barca: specie di tappeto, che si mette nella prora della Gondola al trasto, e sul quale si posano i piedi
  • Butarse in zenochìon: prostrarsi
  • Far da zenochio o de zenochieto: giocare con il ginocchio, cioè urtare con il ginocchio la persona che sta accanto seduta per qualsiasi motivo
  • La ga tanto de panza la farà do zemeli: (in caso di donna incita) ha una pancia così grande, farà due gemelli
  • El xe me zenero: è il marito di mia figlia
  • Co se ga zelosia è segno che se vol ben: L'amore non viene senza gelosia
  • el xe mio zerman: è mio cugino
  • Ze débole de suste: è debole di reni (vescica), fa di continuo la pipì

Torna su