Canzoni veneziane

Da Venicewiki, il wiki di Venezia

Indice

La Biondina in Gondoleta

Guarda


El Gondolier, Pope Oeh!

GuardaGuarda


Pope… Oeh!, pope… oeh!,
gondola gondola va!

Notte de luna, notte piena de stele,
vado in laguna e vogo e vogio cantar.

Mi so el gondolier
che in gondola te ninòa,
se el remo in forcòla sigòa,
coverze el scìoco dei basi.

Mi so el gondolier
che ancora in mar ve dondola,
no ste a curarve de mì,
mi fasso andar la gondola.

Pope… Oeh!, pope… oeh!,
gondola gondola va!

El tempo passa e 'l sol
già spunta a levante,
torno in cavana e vogo
e vogio cantar.

Pope… Oeh!, pope… oeh!,
gondola gondola va!

(finalino) Pope… oeh! ,
Pope… oeh!
Gondola gondola… oeh!


Le Glorie del Nostro Leon

Guarda Guarda


Il nostro vessillo vogliamo sul mar.

L’inno di guerra San Marco dei prodi
Il nostro vessillo vogliamo sul mar.
Il nostro vessillo vogliamo sul mar.

E tra quel silenzio di tanti canali
si sente la voce del suo gondolier.
Che spinge la barca vogando sul remo
cantando con voce la mesta canzon.

Mia cara Venezia, mia patria diletta,
tu fosti regina possente sui mari.
Tu fosti regina possente sui mari
cinta di glorie, speranze d’amor.

Viva Venezia, viva San Marco.
Evviva le glorie del nostro leon.
Viva le glorie del nostro leon.


La Gondoliera

GuardaGuarda


Piccola fata bruna
sulla laguna di stelle d'or
spunta di già la luna
e il tuo balcone non s'apre ancor
Dorme Venezia a sera
col cuore che spera con ansietà
l'ultima gondoliera ti canterà
Hoiliii, hoilaaa
Andiamo in gondola
la notte viene
sulla laguna canteranno le sirene
Il mar ci dondola
con ansietà
tra il cielo e il mare
Amore Amor ti canterà.
Sento nell'aria un coro
son le campane della città
metti lo scialle d'oro
stanotte ancora l'Amore va
Festa del Redentore
so che il mio cuore vuol bene a te
ed io sarò fedele soltanto a te
Hoiliii, hoilaaa
Andiamo in gondola
la notte viene
sulla laguna canteranno le sirene
Il mar ci dondola
con ansietà
tra il cielo e il mare
Amore Amor ti canterà.

La Canzone dei Gobeti

GuardaGuarda


Marietta Monta in Gondola

GuardaGuarda


MARIETA MONTA IN GONDOLA
(Bixio-Cherubini-Concina)

lui: Marieta monta in gondoa che mi te porto al Lido!
lei: Mi no che no me fido, ti xè massa un impostor!
lui: Cossa te disi cocoa? Perchè, sè in quel boscheto...
lei: ...Ti m'ha scrocà un baseto per pissegarme el cuor.

E tiche-tiche-ti... ti ghe disi "no"
ma mi so' che te bate el cuore...
tiche-tiche-tà... anca lu lo sa
che a Venessia l'amor se fa...
... in gondoeta..!
lei: Digo no... no ghe vegno no!!!

Co sto afar del si e del no, moleghe'n ponto...
moleghe'n ponto... molèghe'n ponto tutti do...!

lui: Ma varda che spetacolo la luna xè d'argento
lei: No far del sentimento cossa te vol mi so'.
lui: Sora le tonde cupoe, voan le colombele
lei: Zònteghe pur le stele ma no me fido no!

E tiche-tiche-ti ghe disi "no"
ma mi so' che te bate el cuore...
tiche-tiche-tà... anca lu lo sa
che a Venessia l'amor se fa...
... in gondoeta...!
lei: Digo no... no ghe vegno no!!!

lui: Va ben, va ben finimola mi ciapo un'altra strada
lei: Te fa una balossada, no so se te convien!
lui: Me sercarò Felisita per farte un bel dispeto
lei: Mi no che no permeto perchè... te vogio ben...!

E tiche-tiche-ti... ti te disi "si"
anca mi, si me bate el cuore...
tiche-tiche-tà... che felisità
a Venessia l'amor se fa...
in gondoeta, in gondoeta...
in gondoeta, te darò un basin!!!

Ciao Venezia

Guarda


Così bella non ti ho vista mai
addormentata sul tuo mar
sei come una favola che non so narrar.
Tante cose dire ti vorrei le vecchie case salutar
mi sento ridicolo e non so parlar.

Ciao Venezia, ciao Venezia,
ciao Venezia ciao ciao ciao.
Ciao Venezia, ciao Venezia,
 ciao… ciao ciao!

Non potrò dimenticarti più,
vorrei portarti via con me,
mi sembra impossibile
star lontan da te.
Io ti lascio un po’ di gioventù,
un po’ di vita, un po’ di cuor,
ho voglia di piangere nel lasciarti ancor.

Ciao Venezia, ciao Venezia,
ciao Venezia ciao ciao ciao.
Ciao Venezia, ciao Venezia,
ciao… ciao ciao!

E’ lontano il Ponte dei Sospir
ma io continuo a sospirar,
aspetto il miracolo di poter tornar.
Lentamente l’ora di partir
mi stà portando via da te,
carezzo una gondola e non so perché!

Ciao Venezia, ciao Venezia,
ciao Venezia ciao ciao ciao.
Ciao Venezia, ciao Venezia,
ciao… ciao ciao!


Voga e va

Guarda


VOGA E VA
(Concina-Cherubini)

Venezia rassomiglia a una sposa
vestita di merletti di Burano
e passa fra le gondole festosa
tra il Lido e la laguna
sposi ed amanti buona fortuna.

Voga e va gondolier,
canta el cuor
non posso andar più via
perché Venezia mia
m’ha fatto innamorar.

Ho visto due colombi andare in alto
volevan fare il nido in paradiso
e son volati a nozze su Rialto
ed han lanciato un grido:
"Venezia nostra sei il più bel nido".

Voga e va gondolier,
canta el cuor
non posso andar più via
perché Venezia mia
m’ha fatto innamorar.

Xè un vecio gondolier
de Santa Crose
che pianxe quando passa la regata,
iu più no'l pol remar
ma spenze a voxe
le gondole in ghirlanda
lui ch’era il primo sul Canal Grande.

Voga e và


Cancara

Guarda


Venezia No

Guarda


Venezia No
(Tortorella-Zanetti)

Mamma e papà cinquant’anni fa,
sposi a Venezia arrivarono
e per ricordo comprarono
una gondola col carillon.

Ma quel ricordo di un’altra età
che accompagnò la mia gioventù,
oggi purtroppo non suona più
la sua magica e cara canzon.

Tutto è cambiato ormai,
Venezia no, Venezia no non cambia mai.
E se a Venezia vai
come a quei tempi di Goldoni la vedrai.
Cambiano le città, Venezia no,
Venezia no non cambierà.
Guardi e Milesi un dì
l’hanno dipinta come tu la vedi qui.

Passa la vita di tutti noi
come un merletto sul tombolo,
in ogni cuor la sua gondola
in un mare di gioia e dolor.

Mamma e papà son tornati ancor
per festeggiare le nozze d’or,
tutto è cambiato Venezia no
la laguna cambiare non può.

Vecio Gondolier

Guarda


Venezia e noi

Guarda


Le 40 canzonette‎

Guarda


Ogni sera di sotto ai miei balconi
sento cantar una canzon d’amore,
spesse volte la ripete un bel garzone…

Ai nostri monti ritorneremo
l’antica pace vogliamo far.
Sei ostinata cinque minuti prima
io t’ho baciata.

Siamo giunti sul passo estremo,
la calunnia è un venticello.
Si scopron le tombe si levano i morti
i martiri nostri son tutti risorti.

 La diga parona bela
come sta la so sportela,
la gò vista tanto bela
che innamorar me fa.

E con ciò e senza ciò
la galina xè ‘dada in pignata
e con ciò e senza ciò
la galina s’ha cuzinà.

La porta un litro de quel bon,
la porta un litro de quel bon
la porta un litro de quel bon
per la Gigiota.

Gigiota mia per carità,
Gigiota mia per carità
Gigiota mia per carità
dammi la mano.

Perché el xè qua, el xè su el xè zò
a San Cassian sul ponte che fa la legna,
dizeghe ch’el vegna, dizeghe che el vegna.

 Perché el xè qua, el xè su el xè zò
a San Cassian sul ponte che fa la legna,
dizeghe ch’el vegna,a far l’amor!

Evviva l’arte del boter
che l’è un magnifico mestier.
Viva l’arte del boter
che l’è un magnifico mestier.
 
Nina mia son barcarolo,
son dell’arte sono gentile
sulla mia barca se vuoi,
se vuoi venire,
noi andremo in alto mar!

O Dio del ciel che fai fiorir le sucche
fammi veder le gambe delle putte.
La Marianna la va in campagna
fin ch’el sol tramonterà…
chissà quando,
chissà quando tramonterà.

Di quella pira l’orrende foco,
tutte le pire vedremo un di.
La parona no vol che cantemo
dispeto ghe femo, dispeto che femo.
La parona no vol che cantemo
dispeto ghe femo
cantemo pianin.
Cantemo… cantemo pianin!

Buonasera miei signori, buonasera…
presto andiamo via di qua,
 presto andiamo via di qua.
Andiam, andiam!


San Martin

San martin ze 'ndà in sofita
par trovar la so novissa
la so novissa no ghe gera
San Martin col culo par tera.

E col nostro sachetin
cari signori se San Martin

Su 'sta casa ghe ze do putele
tute risse e tute bele
col viseto delicato
suo papà ghe lo gà stampato.

E col nostro sachetin
cari signori se San Martin.

Siora Cate ze tanto bela
in mezo 'l peto la ga 'na stela
se no la gavesse meritada
so papà no ghe la gavaria dada.

E col nostro sachetin
cari signori se San Martin.

Siora lussia la fassa presto
ch'el caligo ne vien adosso
el ne vien adosso sul scarselin
siora Lussia ze Sa Martin.

E col nostro sachetin
cari signori se San Martin.

La pignata de fasiòi

(Canzone popolare veneziana)

Cossa gò da far se no laoro,
i fioi siga: "Gò fame!" tuti in còro,
mia mugèr me manda ai sindacati,
la bòba vado a tor anca dai frati.

Ma un giorno par far presto
su ‘na scorza so sbrissà,
s’ha roto ea pignata
e i fasiòi s’ha rebaltà.

Vado a casa pensando ai me fiòi
che spetava el papà co i fasiòi,
co ‘i m’ha visto i s’ha messo a sigar:
"Xè rivà ‘l papà co’l magnar!"

Ma anca mì cossa gò io da fàrghe
se ea pignata se gà rebaltà…
Niente più no gavevo da dàrghe
per sfamarli quel dì tutti tre.

Gavevo un guardaroba mal fornìo
‘na giacheta e un capèo smarìo;
vien che scade el giorno de l’afito,
mia muger me và a impegnar el vestito.

Appena che 'lo gà visto
i gà dito:"El xe tarmà!
lo porta in ghetto vecio,
al museo de l’antichità!".

Nianca al monte no la gò intivada,
la giàcheta 'l a gera tarmada,
ma anca mì cossa go po’ da far,
se l’afito me toca pagar.

Se el paron me mandarà in strada,
a le barache me tocarà andar.
S’el destin co’ noialtri la gà fissada,
de farne soffrir sempre più.

Mamma mia cossa gò fato,
maridarme so stà mato,
maledeta que la volta
che no ghe gò roto la noza sul fogher!


Peregrinazione Lagunare

E mi me ne su 'ndao donde che i feva i goti,
ziogando la spineta ai altri giochi.

Mi go de le fugasse de quele de Malghera,
o' caminao par tera fino a Fusina;

dal trato a la sentina co 'un batelin da schiopo
andeva de galopo a la Zueca.

O' caminà la seca tuta la pescaria,
o' dà la pope indrio ai do castei.

O' visto l'orto dei abrei co tute le Vignol;
da le Vignole indrio me so reduto.

O'caminà par tuto o' visto un buranelo,
l'aveva un bel sestelo a' là mostrao.

E mi me ne so 'ndao donde che ifeva le squele,
ziogando la spineta le done bele.