Poesie e filastrocche

Da Venicewiki, il wiki di Venezia

Indice

Elogio ala scorèza

In tuti sti secoli
diversi poeti
ga scrito co spirito
su vari sogeti,

     e molti co logica
     tratà i ga argomenti
     co tato finissimo
     da veri sapienti.

Parlà ga moltissimi
de luna, de stele,
de done, de omini,
de bele putele,

      de basi, de palpiti,
      de amplessi, de adii,
      de pianti, de spasemi,
      de amori tradii.

De genere storico
poeti d’insegno
de scriver fassicoli
s’à tolto l’impegno.

      E po’ de politica
      dei altri ga scrito
      metendo in ridicolo
      qualunque partito;

tratà i ga de musica,
de arte, de siensa,
de fisica e chimica
co molta pasiensa;

     i ga stampà opuscoli
     su ogni argomento,
     sui lampi, sui fulmini,
     su l’aria del vento,

sul sol, su le stele,
sul mar, su la tera,
sui usi dei popoli,
sui re dela tera.

     Virtù le più nobili,
     orendi deliti,
     un tema vastissimo
     i ga da par gran scriti;

e quei pornografici
ga scrito anca lori
su cose sporchissime
de tuti i colori;

     lodà i ga co spirito
     i stronsi più duri,
     la merda col crostolo,
     i monghi più scuri,

la merda zalissima
del fio ‘pena nato
e quela più solida
cagada dal gato

     e un bel panegirico
     i ga savuo far
     sul gusto grandissimo
     che vien dal cagar.

Ma fra tanti omeni
che à scrito dei versi
su cose magnifiche
su metri diversi,

     de far nessunissimo
     s’à tolto l’impresa
     l’elogio, el gran merito
     che ga la scoréza;

e mi provo a meterme
sul serio a parlar
sui gusti e su l’util
che dà el scorezàr.

     Quel vento aromatico
     che vien dala sfesa
     del nostro preterito
     se ciama scoréza:

secondo po’ el metodo
che la vien masorada,
la vien co gran strepito
opur sofegada;

     mi dunque me ocupo,
     letor mio cortese,
     de quele che strepita,
     de vere scoréze;

e torno a ripeterlo
che ze el scorezar
el gusto più magico,
el più salutar.

     Mi, quando dai sintomi
     sia in casa che in strada,
     me sento in (dis)ordine,
     la ze masorada:

el caro e simpatico
buseto me strenso,
in modo dolcissimo
loo slargo…e po’ spenzo.

     E alora co un impeto
     tremendo vien fora
     la più potentissima
     scoréza sonora.

De spesso me capita
in leto de trarle,
e ‘lora go ‘l magico
piasser de nasarle;

     par megio gustarmelo,
     chel caro odoreto,
     la testa in un atimo
     ben soto me meto:

profumo più amabile
no ga gnanca i fiori;
l’è quelo el più nobile
de tuti i odori,

     e mota più armonica
     no go mai ssentio
     de quela, simpatica,
     del buso dadrìo.

Dal lato po’ igienico,
nissun pol negar
el massimo utile
che ga el scorezar:

     i umori pestiferi
     va via scorezando;
     el corpo dai gastrici
     se va liberando;

la bile, le coliche
se pol sensa spese
guarirle benissimo
molando scoreze.

     E gh’è qualche stupido
     che crede, da mona,
     che drento tignindola
     sia cosa più bona:

no’l sa po’ sto tangaro,
sto beco, sto mulo,
che ze indispensabile
el sfogo del culo;

     no’l sa che tratandola
     nel sangue la core
     e che la ze causa
     de sento malore!

La siera se altera,
la fame sparisse,
vien mali de stomego
che niente guarisse;

     e dopo, per termine
     de tuti sti guai,
     fra spasmi oribili
     se mor consumai.

Sta fin cussì barbara,
ze serto e sicuro,
che a mi no me capita
perché me procuro

     de far el possibile
     par ben masorarle
     e, co’le ze in ordine,
     de bòta molarle.

In odio go ‘l pevare
che a posta l’è nato
perché chi lo dòpara
no gabia mai flato;

     fasioi po’ moltissimi
     me piase magnar
     e tuti chei generi
     che fa scorezar.

E questa ze l’unica,
la vera maniera
par viver sanissimi
e aver bona siera.

     E adesso me imagino,
     letori garbati,
     de aver no co ciacole
     mostrà, ma coi fati,

che ze indiscutibile
che sia ‘l scorezar
el gusto più magico,
el più salutar!

Veneziani gran signori

Veneziani gran signori,
Padovani gran dotori,
Visentini magna gati,
Veronesi tuti mati,
Udinesi castelani col cognome de Furlani,
Trevisani pan e tripe,
Rovigoti baco e pipe,
i Cremaschi fa cojoni,
i Bressan tajacantoni,
ghe n'è anca de pì tristi: Bergamaschi brusa cristi.

Torna su

La discesa de amor

In t'un salto
Zo da l'alto
Vien abasso
Col turcasso
Pien de frezze 'l dio d'Amor
Col progeto
Maledeto
De far piaga su ogni cuor
Oe, putele,
Brute e bele,
Abiè ochio
Che 'l batochio
Per far strage più tremenda
Per tirar
Senza far,
L'è venudo senza benda:
E pur tropo
De galopo
Co le ale
Su le spale,
Co quei ochi da galioto
Zira atorno
Note e zorno
Per ferir chi ghe vien soto
Ma dal can,
Dal dio tiran,
Da quel ente
Seducente
Che soverte lanatura,
Che xe astuto,
Che pol tuto,
Nissun scampa, go paura.

Torna su

San Marco

Tira e para, finalmente
Sto bel zorno rivarà
E 'na nova vita sente
Sta magnifica cità.

Certi tempi xe finii
Nè mai più ritornarà.
Via, da bravi! Stemo unii:
ne l'union la forza sta.

Xe sto popolo risorto
L'è, de colpo, in pie saltà:
falso xe che el fusse morto,
solo el jera indormensà.

Nicoloti e Castellani
Da sentir più no se gà
Semo tuti veneziani,
tuti fioi de sta Cità.

E San Marco benedetto
Sempre più el benedirà
El so popolo dileto
Che l'ha sempre venerà.

Torna su

L'ultima ora di Venezia

E' fosco l'aere
Il cielo è muto
Ed io sul tacito
Veron seduto,
In solitaria
Malinconia
Ti guardo e lagrimo,
Venezia mia!

Fra i rotti mugoli
Dell'occidente
Il Raggio perdersi
Del sol morente,
E mesto sibila
Per l'aria bruna
L'ultimo gemito
Della laguna

Passa una gondola
Della città -
"Ehi! dalla gondola,
Qual novità?"
"Il morbo infuria,
Il pan ci manca
Sul Ponte sventola
Bandiera bianca!"

No no, non splendere
Su tanti guai,
Sole d'Italia, Non splender mai,
E sulla Veneta
Spenta fortuna
Si eterni il gemito
Della laguna.

Venezia! l'ultima
Ora è venuta;
Illustre martire
Tu sei perduta...
Il morbo infuria,
Il pan ci manca
Sul Ponte sventola
Bandiera bianca!

Ma non ignivome
Palle roventi,
Nè i mille fulmini
su te stridenti,
Troncaro ai liberi
Toui dì lo stame...
Viva Venezia!
Muore di fame!

Viva Venezia!
L'ira nemica
La sua risuscita
Virtude antica;
Ma il morbo infuria
Ma il pan ci manca
Sul Ponte sventola
Bandiera bianca!

Ed ora infangansi
Qui sulla pietra,
Finchè è ancor libera,
Questa mia cetra;
A te Venezia,
L'ultimo canto,
L'ultimo bacio,
L'ultimo pianto!

Ramingo ed esule
In suol straniero,
Vivrai, Venezia,
Nel mio pensiero,
Vivrai nel tempio
Qui del mio core,
Come l'immagine
Del primo amore.

Ma il vento sibila
Ma l'onda è scura,
Ma tutta in tenebre
E' la natura;
Le corde stridono,
La vocemanca...,
Sul Ponte sventola
Bandiera bianca!

  Arnaldo Fusinato

Torna su

per una buona notte

Vago in leto
co l'Anzolo perfeto,
co l'Anzolo d'amore
gesù nostro signore.

Torna su

Ninna nanna

Stella stellina
la note si avicina
la vaca xe in stala.
la vaca e el vedeo,
la piegora co l'agnèo,
la galìna coi pulsini,
la gata coi gatini,
la cavara con cavarèto
e la mamma col so toseto,
tutti quanti fà la nanna,
tutti quanti co la so mamma

Torna su

A far l'amor

A far l'amor coi zòvani se acquista la virtù
i gà le gambe grosse e le calze restan sù
A far l'amor coi veci se perde la virtù
i gà le gambe fiape e le calze non stà sù

Torna su

Campièlo, campieleto

Un modo famigliare per giocare con i bambini:
Si prende la mano aperta del bambino
e si segna con l'indice un cerchio sul palmo
e continuando a girare si dice adagio
Campièlo, campieleto quà xe nato un porcelèto;
quindi, prendendo uno ad uno le dita della mano cominciando dal pollice, si aggiunge
questo l'ha visto
st'altro l'ha scortegà
questo l'ha coto
st'altro l'ha magnà
e questo povero pichenìn... (il mignolo) pichenìn...
no ghe ne xe tocà... gnanca... un tochetìn?
'n demo da mama gata che la farà.....
facendo il solletico sul pancino del bambino
gate, gate, gate.

Torna su

contro i temporali

Santa barbara e San Simeòn
libereme da sto tòn,
liberene da sta saéta
Santa Barbara benedeta!

Torna su

contro il singhiozzo

Sangiùto sangiutaro
la rana va al punaro (pollaio)
el rosco (rospo) va de fora
sangiùto va in malora.
Variante
Sangiùto
la rana nel fosso:
passén de là 'ia (oltrepassiamo la strada)
sangiùto va 'ia (via)

Torna su

Sòto el ponte de Rialto

Sòto el ponte, soto el ponte de Rialto
e ghe gera e ghe gera 'na vecieta
che vendeva l'aqua fresca,
l'aqua fresca, l'aqua fresca col limon
pim, pum pataton.

Torna su

Piero cocon

Piero cocon
che tira el balon
che tira le balete,
Piero fà le scorezete

Torna su

Ocio belo

O'cio belo, so fradèlo
rècia bela, so sorèla
e la porta ga el bataor (e si tocca il naso del bambino)
bati bati sior dotor!

Torna su

Ti che ti tachi i tachi

Ti che ti tachi i tachi
tachime a mi i tachi...
Mi che te taca i tachi?
tachite ti i to tachi!

Torna su

Chi ze morto?

Chi ze morto? Nane porco.
Chi ze vivo? Nane figo.
Chi ze in piassa? Nane fugassa

Torna su

Ti ga fame?

Ti ga fame? Magna curame!
Ti ga sè? Bevi cafè!
Ti ga sono? Va in lèto da to nòno!

Torna su


Ghe gera na volta un re

Ghe gera na volta un re
che magnava un pan da tre
che magnava la polenta
un, do, tre: senta!

Torna su

I giorni della settimana (da insegnare ai bambini)''

Luni ze 'nda da
Marti parché el ghe diga a
Mercore che'l vaga zo da
Zioba che'l marcia zo da
Venere che'l vaga dirghe a
Sabo che
Domenga ze festa

Torna su

La setimana bòna

Luni non se laora
Marti se mete zò
Mercore se speta l'ora par 'nare a laorare,
Zioba ze meza festa
Vènare ghe ze da far
Sabo ze quelo che resta prima de
Domenega che oramai ze festa

Torna su

Fasso l'amor

Fasso l'amor ze vero
cossa ghe ze de mal
so giovane e so bela
e semo a Carneval

Torna su

Cantar o balar la Furlana

Le pute de San Lunardo
Ha le gambe de bombaso
E quando che le camina
Le se ghe storze, le se ghe inchina.

Quele de Santa Marta
Le ze nere come na napa,
co' le se lava pèto e viso
le par stele del paradiso.

Quele de Santa Marta
Le va vestie de carta
De carta bergamina
Le zioga 'l loto a la venturina.

Quei de Santa Marta
I magna sfògi a maca
I magna dei boni saori
I ze la rovina dei pascaori.

Quele de San Martin
Ghe piase le bon vin
Ghe piase l'acqua-vita
Le ga 'l diavolo che le pica.

Quele de la Bragola
Le ga l'oro che ghe bagola
Le se onse co la manteca
Perchè i pulisi no le beca.

Quele de la Zueca
Le ze verde come l'agresta
Co'ze 'l giorno del pardon
I le pol meter sul feston.

Quele de Canaregio
Le ze bele par quel che vedo
Le ze bele par quel che so
Ghe n'è de megio a San Nicolò.

Quele de Quintavale
Le se ninola le spalle
Le se nìnola i pensieri
Le fa l'amor coi finansieri.

Quele de Palùo
Co la cassa le magna al bruo (brodo)
Col scugièr le magna i grani
I so marii mostra i calcagni.

Quele de Sant'Alvise
Le ga trentasei camise
Trentasinque de impegnae
Povare pute desfortunae.

Quele de San Simion
Le ze verde come un limon
Le ze verde come l'agresta
Le ze maledette come la tempesta.

Quele de San Marcuola
Le ga l'abito che ge svola
La ga 'l cotolo de saco
Camisa al culo no ghe ne cato.

Quele de Cale Contarina
Le se leva la matina
Le se lava la sessoleta
Par ciapar la svanzegheta.

Quele de Campo Ruga
Le ga la camise che ghe suga
Le muda de le ga in mastelo
le so novisso ghe dà l'anelo.

Le pute de Ognisanti
Le se mete i guanti bianchi
De so morosi le se vergogna
Perchè de soto le ga la rogna.

Le pute de Santa Màlgari
Le la ga che ghe spissa
Co' ze 'tempo del butiro
Tuti i fianchi ghe va in delirio.

Le pute de Salizada
No ghe piase la panada
Le lo vol duro incendio
Come quelo de so marìo.

E quele de Rialto
Le va via col taco alto
Par morti le magna le fave
Le ga le calse co le rave.