Campo Manin

Da Venicewiki, il wiki di Venezia

Campo Manin si trova nel Sestiere di San Marco e, per la sua posizione centrale, è uno dei più conosciuti della città.
Al centro del Campo si trova il monumento dedicato a Daniele Manin, famoso patriota veneziano, imprigionato dagli austriaci e liberato a furor di popolo che lo nominò Presidente della Repubblica di Venezia, durante quel breve periodo di indipendenza tra i due periodi di sottomissione all'Austria.
L'ampio campo era quasi completamente occupato dalla Chiesa di San Paternian demolita da Napoleone assieme a tante altre.
Ospitava tra i suoi altari uno dedicato al santo che veniva indicato come protettore dei Terrazzieri.
Famoso il suo campanile esagonale visibile in alcune immagini d'epoca.
Nelle sue vicinanze, in una calle stretta che parte dal campo, si trova la Scala Contarini del Bovolo, una splendida scala a chiocciola, bovolo appunto in veneziano, che risulta essere una costruzione rinascimentale che però è pervasa di memorie gotiche e veneto-bizantine.

Nell'immagine si può notare la Chiesa di San Paternian a destra, con il suo particolare campanile esagonale., la mancanza di ponti che proseguano per la Calle della Carità, ed il Canale degli assassini, che verrà successivamente interrato, diventando il Rio Terà degli Assassini.