Campo San Bartolomeo

Da Venicewiki, il wiki di Venezia

L'insula in cui sta questo Campo, luogo di antichissimo insediamento, mantiene memoria del primitivo reticolo quadrato che misurava un heredium, con le due "strigae" di domus contrapposte e in mezzo il campo. Si veda a questo proposito il lavoro svolto da Gianfranco Caniggia - "La casa e la città dei primi secoli" inserito nel volume di Paolo Maretto: "La casa veneziana".

Come in altri punti della città, anche qui nel corso del sec. IX , dall'antica matrice, si è prodotto il tipico tessuto a corti affiancate, alternate a calli in serie lineare tra il campo, sede del Mercato che si allungava fin sul bordo del Canal Grande, ed il retrostante rio della Fava o rio di Palazzo.

Secondo Saverio Muratori, che fu docente di Architettura all'Università di Roma, qui la Parrocchia, dedicata a San Demetrio, fu fondata nell' 840, cioè 27 anni dopo il trasferimento della sede dogale a Rialto.

Campo San Bartolomeo
Campo San Bartolomeo - Brendan Dolan-Gavitt
Attorno alla chiesa ed alle attività commerciali del Mercato anche l'area del campo andava articolandosi nelle sue funzioni: il Campo della Parrocchia, il campo intermedio centrato sull'originaria forma quadrata, un campo d'approdo aperto sul rio del Fontego ed una calle, mercantile e di collegamento, verso il campo della Fava.

In epoca bizantina inizia la costruzione di case in muratura e corti gentilizie, in parte ancora leggibili, sul rio del Fontego e verso le Mercerie; poi, con il trasferimento del Mercato sull'altro lato del Canal Grande e l'alienazione da parte del Demanio delle aree liberatesi, l'insula andrà saturandosi con strutture in muratura di tipo abitativo e commerciale, spesso sovrapposte alla primitiva orditura delle fabbriche lignee mercantili. Sul campo si affaccia la costruzione di maggior rilievo: il palazzo Moro.

L'altra parte dell'insula, dove è la chiesa di San Salvador, era un tempo separata da questa da un rio in seguito interrato e divenuto oggi la calle Larga Mazzini e le Mercerie. La tradizione vuole che l'antico santuario di S.Salvador sia risalente al VII secolo; più volte modificato o ricostruito, nel Cinquecento è divenuto anche convento occupando una vasta area fino al rio san Salvador.

Bibliografia: P.Maretto - La casa veneziana(pag.3) - Marsilio Ed. 1986; S.Muratori – Storia per una operante storia urbana di Venezia (pag.139) – Ist.Poligrafico dello Stato - 1961; G.Lorenzetti - Venezia e il suo estuario(pag.391e393) – Ed.LINT - 1974 ;