Scuola Grande di San Teodoro

Da Venicewiki, il wiki di Venezia

La Scuola Grande di San Teodoro si trova in un punto strategico di Venezia: praticamente nel centro della città, in Campo San Salvador, al termine della più famosa e trafficata strada le Mercerie.

E' una delle Sei Scuole Grandi.
La tradizione vuole che la Scuola abbia origine nel VIII secolo, quando furono translate le spoglie del santo, che da allora divenne il protettore della città.
Risale al 1 marzo 1258 l'evento che segnò la ricostruzione del sodalizio presso i padri Agostiniani di San Salvador, i quali concessero un ambiente da adibire a piccola sede per le riunioni.
L'attività della Scuola venne via via sempre più caratterizzandosi per la particolare attenzione e propensione all'assistenzialismo nei confronti dei poveri. Questa specificità fece sì che, nel corso degli anni, vi si iscrivesse un notevolissimo numero di persone, alcune anche molto influenti in città, a thai punto che la Confraternita andò acquisendo una nuova posizione in città.
Il 12 ottobre 1450 il Senato riconobbe di nuovo San Teodoro quale patrono di Venezia, decretando festa il giorno della sua ricorrenza.
Nel 1552 la Scuola venne innalzata alla dignità di Grande.
L'edificio che ospita la Scuola ebbe numerose manomissioni e cambiamenti, fino al 1608 quando fu eletto proto di fabbrica Tommaso Contin, svizzero di nascita, ma veneziano di adozione. Vennero inglobate alcune botteghe in calle del Lovo per dare un andamento lineare alla nuova costruzione.

Anche Baldassare Longhena partecipò all'esecuzione dei lavori di finitura del fabbricato, a cui venne affidata la direzione dell'ultimo intervento per disegnare la decorazione esterna lungo calle del Lovo.






Scuole Grandi