Vincenzo Scamozzi

Da Venicewiki, il wiki di Venezia

VINCENZO SCAMOZZI (Vicenza 1552 – Venezia 1616), Architetto e scultore

Nato a Vicenza, lavora inizialmente con il padre Giandomenico, nella sua bottega, dove conosce Sebastiano Serlio, con il quale nel 1572 si stabilì a Venezia, dove studiò il trattato di Vitruvio nell’interpretazione di Daniele Barbaro e di Andrea Palladio, deducendone un linguaggio architettonico del tutto personale che si valeva di principi metodologici basati su ragione e scienza.


Una delle prime esperienze architettoniche dello Scamozzi a Venezia fu, benché ancora giovane, l'intervento alla Chiesa di San Salvador, dove la chiesa compiuta da Tullio Lombardo su costruzione già iniziata da Giorgio Spavento, risultava cupa e scura. Scamozzi consigliò ai canonici di aprire nel mezzo di ogni cupola una lanterna con lo scopo di far entrare luce ed illuminare la chiesa. Il grande risultato portò all'architetto fama e nuovi contratti, anche con e per la Serenissima Repubblica.
Proseguì e finì la Libreria Sansoviniana attaccandola alla Zecca di Jacopo Sansovino. Iniziò la costruzione delle Procuratie Nuove, fermandosi alla undicesima colonna.

Mappa delle opere in Venezia